Cosa abbiamo fatto

L’idea di realizzare un itinerario tematico attorno al tema CARTA è stata convertita in un progetto condiviso con il territorio, che ha portato alla sottoscrizione di un protocollo di intesa finalizzato al sostegno ed all’avvio del progetto stesso, suddiviso in più fasi.

FASE 1 (2004-2007)
Nel corso di questa fase è stato realizzato uno studio di prefattibilità, il progetto di fattibilità ed un masterplan, con la collaborazione ed il sostegno di APT di Lucca, Versilia, Montecatini, Assindustria Lucca, CCIAA di Lucca e Pistoia, COMIECO, dei Comuni di Bagni di Lucca, Capannori, Lucca, Pescia, Porcari, Viareggio, Villa Basilica, delle Province di Lucca e Pistoia, della Fondazione Carnevale di Viareggio, del Museo della Carta di Pescia, e con il contributo speciale della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

FASE 2 (dal 2011 – in fase di completamento)
Un secondo momento di progettazione ha portato alla definizione degli interventi da avviare in maniera prioritaria. La scelta si è orientata, da un lato, sul restauro della Cartiera “Le Carte” di Pietrabuona (Pescia) e, dall’altro, sul recupero di una porzione delle antiche vie di collegamento tra le contigue valli di Pescia e Villa Basilica.

Il progetto esecutivo e l’attuazione di questi primi interventi è stato possibile grazie al sostegno finanziario di ARCUS S.p.A. - oggi Ales - che ha permesso:

  • il completamento del restauro funzionale dei due lotti della Cartiera “Le Carte” di Pietrabuona;
  • dare avvio alla progettazione ed al recupero di una porzione delle antiche vie di collegamento
  • avviare le attività di promozione, comunicazione e marketing.

Gli interventi sopra elencati hanno potuto beneficiare anche di un contributo da parte di Regione Toscana, Associazione Museo della Carta onlus, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e Comune di Pescia.

Il restauro, e la successiva trasformazione della Cartiera “Le Carte” nella sede definitiva del Museo, è stato affidato ad un team di progettisti che ne ha previsto il recupero mediante la suddivisione in lotti funzionali.
Ad oggi sono stati completati due dei lotti funzionali dell’edificio relativi al corpo ARCHIVIO (realizzazione opere strutturali, messa in sicurezza, completamento degli impianti e allestimento).
L'Archivio Magnani, in sale provviste di controllo microclimatico,ospita oggi oltre 600 metri lineari di documentazione; è stata inoltre realizzata una sala ricerche e consultazione.

La ristrutturazione dell'edificio è stata progettata sulla base di una serie di criteri di eco-compatibilità e di gestione sostenibile degli edifici. Nell’allestimento della struttura sono state utilizzate le tecnologie e l'utilizzo di materiali innovativi promossi da Lucense per la produzione di arredi (utilizzo di cartone riciclato e di altri materiali ecosostenibili).

 

 

 

 

Foto SlideShow: 
Il Museo della Carta di Pescia
Il Museo della Carta di Pescia